ATTERRAGGIO IN OKAVANGO
Okavango, Botswana.
Delta dell’Okavango, Botswana, agosto 2000. Canon EOS 3, ob. Canon 17-35mm f2.8, Fuji Velvia 50, Scanner Nikon Coolscan V ED.

Ho scattato questa foto pochi attimi prima di atterrare, con un minuscolo aereo da turismo, in una sperduta airstrip nel cuore dell’Okavango. Il terreno era piatto a perdita d’occhio, acqua, savana e boscaglia si alternavano sotto di me di continuo e la sensazione di star per toccare un luogo selvaggio e sperduto era fortissima. Guardando giù, vedevo l’ombra del piccolo aereo scorrere veloce sul terreno e, proprio mentre superavamo la traccia sinuosa di una pista incisa nell’erba secca, riuscii a cogliere un’immagine decente.
E’ l’immagine che oggi mi sembra più adatta per far da seguito a quella del ponte sul Colorado. Se infatti il ponte segnava il tempo della pausa, del passaggio tra due sponde, della transizione dal vecchio al nuovo sito, questa pista dell’Okavango mi è sembrata ideale per segnalare che siamo arrivati dall’altra parte e inizia una fase nuova, un nuovo percorso. L’aereo, infatti, sta per atterrare felicemente ma la pista incisa nel terreno si inoltra in un paesaggio selvaggio, serpeggia verso l’orizzonte, perdendosi nello spessore scuro della boscaglia in lontananza. Un nuovo mondo tutto da scoprire, non resta che avviarsi.
Saluti e auguri!



 
Vuoi che la tua mail sia pubblica? si no