RITRATTI DI UPUPE E GUFI FULMINATI
Upupa africana, Namibia.
Upupa africana Upupa africana, Namibia. Canon EOS3, ob. Canon 300mm f4.0. Fuji Velvia 50. Scanner Nikon Coolscan V ED.

Quando ho fatto questa foto, nel parco di Etosha, in Namibia, a una confidente upupa africana, la macchina su cui mi trovavo era riuscita a fermarsi per qualche secondo a poca distanza dal magnifico animale… questione di attimi, il tempo di due o tre scatti.
Dopo che l’uccello si era involato ho pensato che l’Africa è forse l’unico posto al mondo dove si può fotografare un'upupa così da vicino, con un 300 mm a mano libera e… mi sono vergognato. Troppo facile, mi sono detto, questa non è fotografia naturalistica, è come essere allo zoo. Dov’è la bravura, l’impegno, la tecnica, il sacrificio? Per questo ho deciso, anche se con un certo disagio, di definirmi “fotografo di natura” piuttosto che fotografo naturalista. Ma a volte penso anche che tutte le mie immagini, scattate sempre rigorosamente in natura, ma in luoghi favorevoli e a soggetti in qualche modo confidenti, siano molto più naturalistiche, sicuramente più naturali, di tanti lavori che vedo, ottenuti con pericolosi (per i soggetti!) appostamenti, complicati supporti tecnici e così via. Sono naturalistiche le foto dei gufi sorpresi e fulminati dalle crude luci di flash elettrocomandati in prossimità dei loro nidi? Pare di si, ma io preferisco la mia upupa africana che, se fai piano con l’automobile, una decina di secondi per scattare te li concede. In fondo quegli stupendi volatili dimostrano che nella Natura ci può stare anche l’uomo, mentre invece quei poveri gufi avvampati dai flash sono la prova di quanto l’uomo possa essere lontano da essa.
Per me poi, può anche darsi che sia giusto che di certi contatti si faccia a meno… Chi lo dice che debbo per forza fotografare il falco pellegrino o lo sparviero? Io quei due mi contento di averli visti una volta e anche da lontano, ma il ricordo è bello, mi arricchisce e me lo porterò tutta la vita. Saluti e buona luce a tutti.



09/ 12/ 2005 Ore:18:47 - Michele Rundine - ha scritto: Provocazioni
Carissimo Mauro, bravo! Su questo affare tecnologico mi muovo sempre piuttosto male e di rado, volevo comunque cogliere la tua provocazione e quella di Gabriele per rilanciarne un\'altra (anche se non nuova per me!): abbozziamola di parlare di tecnica e attrezzature digitali e parliamo di più, di nuovo, di fotografia naturalistica, o di natura, se preferisci. A presto
09/ 12/ 2005 Ore:20:49 - Mauro: Carissimo Michele, grazie del bravo e... hai ragione, con la tecnica ognuno dovrebbe sbrigarsela da solo e come vuole! Parliamo di più di altre cose, io come vedi comincio a provarci e a darvi qualche stimolo. A presto.
Commento in attesa di approvazione, o attualmente oscurato dal moderatore.
Commento in attesa di approvazione, o attualmente oscurato dal moderatore.
 
Vuoi che la tua mail sia pubblica? si no